Multiboot: perché scegliere solo un OS?

25 Mag

La scelta di un sistema operativo per il proprio computer non è sempre così scontata, dato che molte applicazioni non sono utilizzabili su un sistema operativo o sull’altro. Quindi quale sistema operativo scegliere? Windows, MacOS o una delle svariate versioni di OS basati su kernel Linux? Volete divertirvi con qualche videogioco disponibile solo per PC, sfruttare l’infinito potenziale dell’open source che Linux riesce a dare e lavorare su un sistema più sicuro e stabile come MacOS?

15895314-business-man-wondering-about-something-isolated-against-white

(Fonte: franchise-metalbois.com)

La risposta è che non c’è bisogno di limitarsi, grazie al Multiboot (Wikipedia), ossia la scelta tra vari sistemi operativi all’avvio della macchina grazie ad un Boot manager (Wikipedia). Questo programma si antepone all’avvio del sistema operativo predefinito e fa effettuare una scelta; avvia quindi il Boot loader (Wikipedia) che caricherà il kernel dell’OS scelto.

dual_boot_boot_loader

(Fonte: chepc.altervista.org)

Sebbene tutto ciò possa sembrare complicato, molti Boot manager hanno un interfaccia minimale e con icone dalla grande intuitività! I più famosi sono GRUB e LILO, usati in moltissime versioni di Linux. Per hardware basati su EFI abbiamo elilo ma anche rEFIt, che, per quanto riguarda la mia esperienza personale, non ha mai dato i tipici problemi come il dover riavviare più volte il computer per essere caricato correttamente.

REFIt

(Fonte: Wikipedia)

E ora fai a fette il tuo Hard Disk! Il multiboot infatti ha bisogno di un corretto partizionamento del disco rigido, ossia dovrete dividere i vostri preziosi giga per i vari sistemi operativi… esattamente come una torta! Ciò non dovrebbe essere un grosso limite data la sempre crescente grandezza dei nostri hard disk. Un mio consiglio è di tenere i file pesanti come film, giochi e immagini che non usate spesso in un hard disk esterno.

partizione

(Fonte:istitutomajorana.it)

Ora installate i sistemi operativi che volete! Ma prima qualche utile consiglio: 

  • Non installate un altro OS senza aver fatto un backup… meglio prevenire che curare.
  • Provate la versione live! Per alcuni OS è possibile la prova senza installazione, utile per verificare il funzionamento di wifi, scheda grafica ecc. ma anche per vedere se vi piace ciò che state per installare.
  • Se scegliete la partizione manuale non dimenticate una partizione per la memoria Swap

Federico Fallace

AGGIORNAMENTO: Pubblicato video di installazione rEFIt nella sezione video.

Annunci

2 Risposte to “Multiboot: perché scegliere solo un OS?”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Open source vs closed source | EVOS - 29 maggio 2013

    […] open e closed source […]

  2. Android: scopriamo cosa nasconde il robottino sotto la scocca metallica | EVOS - 3 giugno 2013

    […] link ad html.it per la guida all’installazione in Multiboot, di cui ho già parlato in un precedente articolo). Comprata e controllata da Google, Android garantisce un OS open-source e una piattaforma gratuita […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: