Tag Archives: multitasking

iOS 7 al WWDC MMXIII

14 Giu

Salve lettori appassionati,

qualche giorno fa vi ho parlato del nuovo sistema operativo per computer presentato dalla Apple, ora invece vi illustrerò le novità principali mostrate per quanto riguarda il mobile. Il nome del nuovo iOS è 7, segue quindi la scia dei suoi predecessori ma la sostanza segna una drastica rottura rispetto al passato. Prima di tutto bisogna precisare che il sistema presentato è under-construnction, ossia è ancora in fase di produzione e ciò che abbiamo visto al WWDC è solo un’anteprima.

(immagine da apple.com)

(immagine da apple.com)

La grafica però risulta già completamente rinnovata, con colori molto più chiari (il bianco predomina nella quasi totalità degli sfondi) e all’insegna della semplicità. Proprio questa è la parola d’ordine di tutto iOS 7, ma non solo ([…]simpler, more useful, and more enjoyable. apple.com), ossia hanno cercato di creare un sistema che integri un nuovo design e nuove funzionalità nella tipica intuitività di iOS. Il risultato è a tratti più semplice (molti tasti nelle app native sono stati eliminati), a tratti più complesso (è stato ad esempio introdotto un Pannello di controllo con le funzioni più importanti.

Control Center (immagine da apple.com)

Control Center (immagine da apple.com)

Semplificare il design può sembrare facile ma non dimentichiamoci che l’ultima volta che Cupertino ha “creato” un design essenziale, per un orologio non ha dovuto pagare solo gli sviluppatori, ma anche le ferrovie svizzere (“Apple, l’orologio svizzero costa caroLaStampa.it). Il lavoro in questo caso è stato svolto in modo eccelso dai vari team di designer che Jonathan Ive ha messo in competizione. I loro frutti dovranno poi essere unificati in modo da diventare più coesi e omogenei (già si intravede qualche modifica alle icone, leggi di più su iphoneitalia.it).

Jonathan Ive (immagine da apple.com)

Jonathan Ive (immagine da apple.com)

E’ stato introdotto un vero Multitasking, che tutti aspettavano da tempo; tutto il controllo del dispositivo è quindi più coerente e fluido, grazie anche alle animazioni 3D che lo accompagnano (che a mio avviso sono davvero fighe!). Era davvero obbligatoria quest’ultima modifica dato che con potenze sempre maggiori non avrebbe senso limitare in questo modo l’utente.

(Video di presentazione del Multitasking)

Un’altra bella novità è iTunes Radio, una nuova funzione del celebre programma di gestione musica e non solo. In breve offrirà un servizio simile a Spotify e Pandora, ma “gratuitamente”. Ci sarà della pubblicità (che io considero sempre una forma di pagamento) oppure sarà davvero gratuito se si usa “Match”, ossia la sincronizzazione attraverso iCloud. Le stazioni inoltre saranno create in base ad artisti, generi, canzoni, in evidenza o personali.

Schermata 06-2456458 alle 22.21.00

 

Altre migliorie importanti sono state apportate alla Camera, con inserimento di zoom e snapshot di alta qualità durante i video, filtri e immagini di dimensioni quadrate per quanto riguarda le foto. Anche la loro archiviazione è stata modernizzata e resa più simile ad iPhoto, con collezioni per luoghi, mesi e anni.

 

Schermata 06-2456458 alle 22.58.55

 

 

L’app Trova il mio iPhone ha integrato qualche funzione in più come il poter mandare messaggi a distanza al proprio dispositivo perso e nel caso di smarrimento definitivo il possibile blocco a distanza. L’iPhone sarà riattivabile loggandosi con il proprio account.

Schermata 06-2456458 alle 22.59.30

Volendo fare un bilancio complessivo, iOS 7 sembra porti un vero cambiamento, e dimostra quindi un desiderio di osare e progredire. La Apple sembra infatti che abbia voluto sfidare tutti i grandi nei loro specifici ambiti (considerando anche OS X Mavericks): Windows e il pacchetto Office con iWork su iCloud, Instagram con le migliorie sul software Camera, Spotify e Pandora con iTunes Radio, Dropbox e similari con le migliorie ad iCloud e così via.

Cupertino è stata positivamente impetuosa, speriamo che i risultati degli sviluppatori in autunno non deludano le nostre aspettative!

Federico Fallace

Fonti: iphoneitalia.it

Fonte di tutte le immagini: apple.com

 

Annunci

il kernel

10 Giu

Il kernel, termine inglese per nucleo, è la base del sistema operativo. Il suo compito è  quello di gestire i tempi di accesso dei diversi programmi all’hardware e di controllare che il tutto avvenga in sicurezza. Ovviamente  la sua assenza non determina il mancato funzionamento di un computer, ma è certamente importante nell’ottimizzazione dello svolgimento dei vari processi. A seconda del grado di astrazione della parte hardware, resa necessaria per la sua complessità, i kernel si dividono in kernel monolitici, microkernel, kernel ibridi ed esokernel.

schema funzionamento

Il kernel coordina: la memoria, i processi, l’accesso all’hardware del sistema, il file system, l’accesso alle risorse da parte dei processi. Inoltre suddivide la memoria in parti più piccole e “maneggevoli” dette pagine, che vengono scaricate sulla memoria di massa (hardisk) quando non servono più e ricaricate da quest’ultima in memoria centrale quando se ne presenta la necessità (tecnica dello swap) ; si arriva così a creare una memoria virtuale teoricamente illimitata da far vedere alle applicazioni mentre il SO utilizza una contenuta quantità di memoria.

Processi e memoria devono essere coordinati tra loro in modo che le pagine di programma che sono attualmente in esecuzione o che contengono dati attualmente utilizzati, possano risiedere in memoria centrale.  Il processo viene sospeso e passa in stato di attesa se una pagina necessaria ad un processo in esecuzione non si trova in memoria centrale; il processo torna ad essere pronto per l’esecuzione dopo l’operazione di input da memoria di massa della pagina necessaria.

Il kernel può essere considerato la naturale evoluzione dei programmi debugger, cioè di quei software, utilizzati sui primi elaboratori e caricati su una memoria ROM, in grado di resettare il sistema alla fine dell’esecuzione di un programma e di prepararlo ad uno successivo. Il kernel ha il vantaggio di riuscire a gestire in modo efficiente il multitasking,  rendendo possibile la virtualizzazione dei processi: in pratica l’utente percepisce come contemporanee le esecuzioni di due o più programmi, che nella realtà avvengono in modo alternato.

Il concetto di time-sharing è alla base del multitasking e permette la condivisione della CPU tra più processi concorrenti; il tempo di esecuzione del processore è condiviso tra più processi/utenti e ogni processo in esecuzione  ha a disposizione dei quanti di tempo della CPU. Se viene chiesto al sistema di eseguire contemporaneamente due processi A e B, la CPU attuerà un meccanismo di time-sharing, cioè eseguirà per qualche istante (quanto di tempo) il processo A, poi per qualche istante il processo B,poi ritornerà ad eseguire il processo A e così via … Il passaggio dal processo A al processo B e viceversa viene definito cambio di contesto (contest switch).

Le decisioni riguardanti l’esecuzione di un cambio di contesto tra due programmi vengono intraprese da un componente del sistema operativo (software) detto scheduler. Questo programma   stabilisce un ordinamento temporale per l’esecuzione di un insieme di richieste di accesso ad una risposta.

Viene definito scheduling la ripartizione del tempo di CPU tra tutti processi concorrenti . Lo scheduling è un operazione molto importante per il corretto ed efficiente funzionamento del calcolatore consentendo di migliorare l’utilizzo del processore massimizzandone l’utilizzo e la produttività e minimizzando il tempo di attesa e quello di risposta.

Il Kernel è un passaggio fondamentale nell’evoluzione dei sistemi operativi, perché nella sua struttura e funzione ne costituisce l’idea basilare. Come molte altre  invenzioni, il kernel nasce dall’esigenza di agevolare il lavoro dell’uomo: in questo caso migliorare l’operatività dei programmi, lasciando il compito di gestirli ad un altro software. Chiunque può usare il computer adoperando vari programmi contemporaneamente  non preoccupandosi di come il processore debba analizzare le informazioni. Questo rende il pc alla portata di tutti.

Il multitasking, reso fattibile dal kernel, è un fattore determinate nello sviluppo della società perché modifica il nostro accesso all’informazione e quindi la nostra capacità critica. Se possiamo accedere a più notizie contemporaneamente siamo in grado di fare collegamenti tra fatti diversi e avere visione più ampia del mondo. Inoltre il multitasking rende possibile lo svolgimento di più compiti contemporaneamente migliorando l’efficienza.

Ariel Belga Fedeli

Fonti: www.diit.unict.it, http://vandali.org/DanieleMasini/MyLinux/MyLinuxsu93.php, http://it.m.wikipedia.org/wiki/Kernel